.
Annunci online

  ConcorrenzaEnergetica [ ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo



cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


3 giugno 2018

Due domande al nuovo governo

La ragion d'essere di un metodo d'intervento politico è rendere perseguibili con successo gli scopi politici legittimamente scelti.
La legittimità degli scopi politici di un Governo proviene dall'approvazione del Parlamento, possibilmente eletto in base ad intenzioni rese esplicite nei programmi elettorali.
Quindi le "buone intenzioni" non bastano, occorre realizzarle senza infrangere regole già codificate come quelle della Carta Costituzionale, nonché quelle scritte in leggi e trattati non ancora modificati con le procedure previste dalla Costituzione.
Infatti, come puntualizzavo il 14 maggio 2018:
"La Funzione Pubblica dello Stato Italiano ha tre poteri: Legislativo, Esecutivo, Giudiziario.
In verità questi "Poteri" sono Servizi Pubblici garantiti ai cittadini italiani, forniti tramite organi costituzionali soggetti a norme costituzionali.
Senza queste norme il Potere Statale sarebbe solo prevaricazione, in genere a danno dei più deboli."

Ciò ribadito queste sono le mie due domande secche:
--
Quante sono le risorse economiche pubbliche ritenute direttamente necessarie per raggiungere ciascuno degli obbiettivi indicati nel contratto di governo?
Con quale metodo d'intervento politico si può invece perseguire almeno alcuni di tali obbiettivi senza intaccare le sempre scarse risorse economiche pubbliche e senza nuove tasse (ora, o tra un po')?




permalink | inviato da ggavioli il 3/6/2018 alle 17:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     maggio        luglio